installazione di pompe di calore per l'acqua a parma

Baroni Gianluca

La ditta Baroni Gianluca si occupa anche dell'installazione di pompe di calore acqua/acqua in tutto il territorio della provincia di Parma. Le pompe di calore renderanno il vostro sistema di riscaldamento sostenibile, con un notevole risparmio energetico, prestazioni elevate e rispetto dell'ambiente. Il funzionamento delle pompe di calore è estremamente semplice. Le pompe di calore, infatti, estraggono il calore da una fonte naturale, nel caso delle pompe di calore acqua/acqua dall'acqua stessa, per poi trasportarlo all'interno dell'edificio e riscaldando così l'ambiente circostante. Una soluzione efficace e sostenibile per riscaldare ambienti domestici e industriali a Parma e provincia. Vi invitiamo a contattare gli uffici tecnici della ditta Baroni Gianluca, con sede a Parma, compilando il modulo nell'apposita sezione Contatti per avere maggiori informazioni. 


Le pompe di calore acqua/acqua

Le pompe di calore ricavano la loro energia termica da acque sotterranee, provenienti da falde o pozzi. Anche in pieno inverno, la temperatura dell'acqua sotterranea è compresa tra i 7 e 12 °C. Grazie a un sistema integrato, composto da una pompa di calore e un impianto di riscaldamento a bassa temperatura, è possibile riscaldare il proprio ambiente in maniera efficace. Per installare questo tipo di impianto a Parma e provincia, è necessario che l'acqua sia disponibile in quantità e qualità sufficienti e che si disponga delle autorizzazioni delle autorità competenti. 
Come funziona una pompa di calore

Il funzionamento di una pompa di calore avviene grazie a un gas (denominato "freon"), che ha la capacità di assorbire il calore da una fonte naturale (l'acqua nel caso delle pompe di calore acqua/acqua) e trasferirlo, dopo un processo di compressione che ne innalza la temperatura, all'impianto di riscaldamento. 

Le pompe di calore possono utilizzare diverse fonti naturali per il loro funzionamento, in particolare:
- Aria, la fonte più immediata e disponibile in natura
- Terra, con il calore che viene prelevato attraverso sonde dal sottosuolo
- Acqua, con il prelievo che avviene da falde o pozzi
- Calore da scarto, con l'utilizzo del calore da processi residui
Share by: